17° Imola Film Festival

Cinema e pensiero

The Yes Men Fix the World

Un irresistibile assalto al capitalismo globale
USA 2009, 87'

Regia, Sceneggiatura, Produzione: The Yes Men
(Andy Bichlbaum, Mike Bonanno),
Co-regia, fotografia: Kurt Engfehr
Animazione: Patrick Lichty
Montaggio: April Merl
Musica: Neel Murgai, Noisola

Correzione di Identità. Impersonare criminali di lungo periodo, con lo scopo di umiliarli pubblicamente. I nostri obiettivi sono i leader e le grandi società che hanno messo i profitti e il denaro prima di ogni altra cosa. (The Yes Men).

Una sfrenata ed esilarante storia vera, sulle tracce di una coppia di trasgressivi attivisti politici nelle loro infiltrazioni nel mondo dei grandi affari,  per mettere a segno una serie di feroci bufale e dimostrare quanto e come l’insaziabile avidità del capitalismo sfrenato stia distruggendo il pianeta.
Andy Bichlbaum e Mike Bonanno (pseudonimi di Jacques Servin e Igor Vamos) sono gli impareggiabili leader degli Yes Men. La loro strategia si basa su un uso geniale e provocatorio dei mezzi d’informazione: da un annuncio fasullo in diretta mondiale sulla BBC a un’edizione contraffatta del New York Times, ogni espediente è valido per svegliare le coscienze e mostrare come salvarci dai peggiori eccessi del business e del genere umano.
Bichlbaum e Bonanno sono due tipi che proprio non sanno accettare un “no” come risposta, e hanno un hobby fuori dal comune: fingersi dirigenti di grandi società che odiano. Armati di nient’altro che di eleganti abiti di seconda mano e falsi siti web, penetrano a suon di bugie in incontri e convention d’affari, parodiando le loro vittime nei modi più vari ed estremi, facendo tutto il possibile per allertare le loro platee e gli spettatori sul pericolo di lasciare agli affari il compito di guidare il nostro mondo.



Identity Correction. Impersonating big-time criminals in order to publicly humiliate them. Our targets are leaders and big corporations who put profits ahead of everything else. (The Yes Men).

The Yes Men Fix the World follows a couple of gonzo political activists as they infiltrate the world of big business and pull off outrageous pranks that highlight the ways that corporate greed is destroying the planet.
Along the way the duo discover the culprits behind the cult of greed, and in a wildly uplifting ending, they find a way for everyone to defeat the cult and save civilization from its own worst excesses.
Andy Bichlbaum and Mike Bonanno are two guys who just can't take "no" for an answer. They have an unusual hobby: posing as top executives of corporations they hate. Armed with nothing but thrift-store suits, the Yes Men lie their way into business conferences and parody their corporate targets in ever more extreme ways - basically doing everything that they can to wake up their audiences to the danger of letting greed run our world.

 

A CONFRONTO sulle tematiche degli YES MAN e di EXAMINED LIFE

L’esperto di guerriglia marketing, sociologo, attivista e autore televisivo Andrea Natella  e il critico cinematografico e televisivo Luca Franco.

ANDREA NATELLA
Esperto di guerriglia marketing, sociologo, attivista e autore televisivo. Ha realizzato articoli, programmi radio e tv, documentari e campagne di comunicazione per importanti aziende italiane e internazionali. Sotto pseudonimi diversi ha pubblicato saggi di ufologia, sesso estremo e arte del sabotaggio. Ha ideato e fondato guerrigliamarketing.it, la prima agenzia italiana di comunicazione non convenzionale. Attualmente è direttore creativo di KOOK ARTGENCY. E’ nato e vive a Roma.

LUCA FRANCO
Laureato in storia e critica del cinema con una tesi sul “Mock-documentary e la decostruzione del cinema documentario”, ha collaborato alla rivista cinematografica Close-Up e alla versione italiana di Time Out. Ha fondato il RomaDocFest - Festival Internazionale del Documentario di Roma e  ha fatto parte della direzione artistica  dal 2001 al 2007. Il RomaDocFest - Festival Internazionale del Documentario di Roma è stato uno dei primi festival internazionali italiani dedicati al documentario e a tutte le sue espressioni  narrative.
Collaboratore della trasmissione televisiva “Blu Notte” di Carlo Lucarelli, dal 2008 è consulente della trasmissione DOC3 di Rai 3.

Examined Life

Una vita senza ricerca non è degna di essere vissuta. (Socrate)
Canada 2008, 88'

Regia, Sceneggiatura: Astra taylor
Produttore: Bill Imperial
con Cornel West, Avital Ronell, Peter Singer, Kwame Anthony Appiah, Martha Nussbaum, Michael Hardt, Slavoj Zizek, Judith Butler, Sunaura Taylor
Fotografia: John M. Tran
Montaggio: Robert Kennedy
Suono: Sanjay Mehta, John Laing
Produzione: Zeitgeist Films, Sphinx Productions



Examined Life rappresenta otto dei maggiori e più influenti filosofi contemporanei che camminano per New York o altre metropoli, fuori dalle aule universitarie, in una serie di escursioni anti-accademiche attraverso luoghi e spazi che hanno particolare valore per loro e per le loro idee, discutendo le applicazioni pratiche delle loro idee nella cultura contemporanea e ricordandoci così che le riflessioni profonde sono spesso nate a stretto contatto con il mondo che ci circonda.
Avital Ronell si interroga sulla ricerca ossessiva del significato e sul non-senso tra panchine e giardinetti. Peter Singer riflette sull'etica dei consumi davanti alle eleganti boutique della Fifth Avenue. Slavoj Zizek critica le fondamenta dell'ecologia contemporanea, vagando tra i rifiuti di una discarica. Michael Hardt definisce la natura dello spirito rivoluzionario, remando negli idilliaci laghi di Central Park. Kwarne Anthony Appiah riflette su differenze etniche e multiculturalità negli spazi freddi e vuoti di un moderno aeroporto. Martha Nussbaum cammina sul waterfront di Chicago e ricostruisce la genesi del Contratto Sociale. Judith Butler e la disabile Sunaura Taylor passeggiano per San Francisco, discutendo la fissazione maniacale della nostra cultura sull'individualismo e analizzando i limiti e le possibilità della libertà individuale nella nostra società. E in auto, in mezzo al traffico di Manhattan, Cornel West paragona la filosofia al jazz e blues, e ci ricorda quanto possa essere intensa e corroborante la vita della mente, abbinata a un concreto agire politico e sociale.

La filosofia non rimane cioè confinata in astratte speculazioni, ma entra in campo nella vita e nell'azione. Genera riflessioni che a loro volta generano attivismo. Offrendo momenti privilegiati con i grandi pensatori, in campi che vanno dalla filosofia morale alla teoria culturale, Examined Life rivela il potere della filosofia di trasformare il nostro modo di vedere il mondo e di come immaginare il nostro posto in esso.

Di molti dei filosofi che compaiono nel film avevo studiato i testi durante i miei studi, e ne sono stata sicuramente influenzata come intellettuale, come donna e come regista. Oggi si crede che la filosofia non abbia nulla da dire su temi attuali come il riscaldamento globale, o la disuguaglianza economica: ebbene io credo che i filosofi, anche se non hanno ovviamente le risposte per tutto, possono aiutarci a vedere le cose sotto un altro punto di vista, aiutandoci ad affrontare i problemi in un modo costruttivo.” (Astra Taylor)

“The unexamined life is not worth living.” (Socrates) In Examined Life, filmmaker Astra Taylor accompanies some of today’s most influential thinkers on a series of unique excursions through places and spaces that hold particular resonance for them and their ideas.

Peter Singer’s thoughts on the ethics of consumption are amplified against the backdrop of Fifth Avenue’s posh boutiques. Slavoj Zizek questions current beliefs about the environment while sifting through a garbage dump. Michael Hardt ponders the nature of revolution while surrounded by symbols of wealth and leisure. Judith Butler and a friend stroll through San Francisco’s Mission District questioning our culture’s fixation on individualism. And while driving through Manhattan, Cornel West (perhaps America’s best-known public intellectual) compares philosophy to jazz and blues, reminding us how intense and invigorating a life of the mind can be. Offering privileged moments with great thinkers from fields ranging from moral philosophy to cultural theory, Examined Life reveals philosophy’s power to transform the way we see the world around us and imagine our place in it.
Featuring Cornel West, Avital Ronell, Peter Singer, Kwame Anthony Appiah, Martha Nussbaum, Michael Hardt, Slavoj Zizek, Judith Butler and Sunaura Taylor.
“Most of the philosophers who appear in Examined Life are thinkers I have worked with or studied in the past or feel a special connection to, and I have been surely influenced by them, as an intellectual, as a woman and as a director. Most people wouldn’t assume philosophy would have anything useful to say on current issues like or global warming to growing economic inequality. I happen to think that philosophy has something to add to the conversation, not that philosophers necessarily have all the answers, but that they can help us ask different questions and see things in new and constructive ways.” (Astra Taylor)
 
Imola Film Festival - Via Mura di Porta Serrata 13, 48100 Ravenna, Italy - Tel +39.0544.684242 - info@imolafilmfestival.it grifo.org