GIURIA CONCORSO INTERNAZIONALE LUNGOMETRAGGI

 

Antonio Capuano
Antonio nasce come attore di teatro e scenografo, il suo debutto sullo schermo come regista è con il film Vito e gli altri (1991) che gli fa vincere il Premio Internazionale della Critica al Festival di Venezia. La seconda regia Pianese Nunzio 14 anni a maggio, narra la storia dell'amore di un prete impegnato nella lotta contro la camorra, per il piccolo Nunzio. Il film tocca così un argomento tabù, ma lo fa con grande tatto e potente forza narrativa tanto da farne uno dei migliori titoli del cinema italiana di quegli anni. Nel 1997 ha girato con altri registi napoletani il film ad episodi I vesuviani, nel 1998 Polvere di Napoli con Silvio Orlando. Seguono: Luna Rossa (2001) e La guerra di Mario (2005), che vince il David di Donatello. È in fase di lavorazione con un nuovo film dal titolo Giallo?.Attualmente è docente di scenografia all'Accademia delle Belle Arti di Napoli.
Lorenzo Hendel
Lorenzo nasce a Firenze nel 1950. Alla fine degli anni settanta si trasferisce a Perugia, dove lavora alla sede regionale della RAI a un progetto di documentazione della realtà sociale territoriale. Nel 1988 si trasferisce a Roma, e continua dentro RAI3 l’attività di regista televisivo a tutti i livelli, mentre il lavoro di documentarista lo porta a viaggiare in tutti i cinque continenti. In particolare, nel 1997 realizza Tepuy, viaggio alle origini del mondo, girato in Venezuela, nel 1998 Groenlandia, il lungo tramonto, nel 2000 Akha, quando il vento soffiava, girato in Tailandia. Nel 2005 realizza Quando i bambini giocano in cielo, il suo primo lungometraggio per il cinema, girato integralmente in Groenlandia. Nel 2006 realizza, per DOC3, Quando le mani si parlano, documentario sull’attivita’ di un gruppo di attori sordi, e nel 2007 Pio La Torre, il figlio della terra.
Dal 2008 e’ autore e responsabile di DOC3, seleziona i documentari da acquistare e da produrre, e insieme agli autori segue i progetti nella fase realizzativa.
Gianfilippo Pedote
Gianfilippo è produttore per il cinema e la televisione e regista di film documentari.
Ha prodotto film lungometraggi quali Fuga dal Call Center (2008) di Federico Rizzo; Italian Dream (2007) di Sandro Baldoni; Fame Chimica (2003) di Paolo Vari e Antonio Bocola; Tartarughe dal becco d’ascia (2000) di Antonio Syxty; diversi documentari tra cui Vogliamo anche le Rose (2007); Per Sempre (2005) e Un’ora sola ti vorrei (2002) di Alina Marazzi; medio e cortometraggi come Pompeo (1998) di A. Bocola e P. Vari, Il Pratone Casilino (1996) di Giuseppe Bertolucci. Ha diretto alcuni documentari sociali (Stranieri tra noi, Elettori della Lega Lombarda, Il declino di Milano, Mediterraneo) e ha lavorato come regista esterno RAI per diversi anni. E’ stato direttore associato di Fabrica di Benetton, co-fondatore e organizzatore di Filmmaker di Milano, il festival che ha individuato e sostenuto finanziariamente gli esordi di nuove generazioni di registi cinematografici del Nord Italia. Insegna all’Accademia di Brera, all’Università Cattolica di Milano e alle scuole di Cinema di Milano e di Lugano.
Aliona Shumakova
Aliona è nata a Mosca nel 1972. In Italia dal 1992, si è laureata all’Università di Urbino. Ha collaborato con Santarcangelo dei Teatri e lavorato presso la cineteca di Bologna come responsabile del Fondo Italia-URSS, la più grande collezione di pellicole sovietiche in Italia. Ha curato numerose retrospettive del cinema sovietico in Italia e all’estero, tra cui le rassegne del cinema georgiano e cinema kazako a Cesena e Trieste, le retrospettive dedicate ai registi russi, tra cui “La storia segreta del cinema russo” alla Biennale di Venezia. Ha inoltre curato proiezioni e lezioni sul cinema sovietico presso vari atenei, tra cui l’Università di Verona, l’Università libera di S.Pietroburgo, Accademia di Architettura a Mendrisio (Svizzera), Università di Padova. Continua la collaborazione con vari festival in Russia ed in Italia, dal 2004 è consulente per l’area dell’Est alla Mostra d’arte cinematografica di Venezia. Collabora alle produzioni cinematografiche in Russia e in Italia.